Archivi tag: disturbi alimentari

Obesità psicogena: cosa è

Botero, Donna che legge

Botero
Donna che legge

L’obesità è una malattia cronica determinata da un eccesso di massa grassa distribuita in maniera differente nei vari distretti corporei. Varie sono le forme e le cause dell’obesità.

L’Obesità Psicogena rientra fra i Disturbi del Comportamento Alimentare perché è sostenuta da cause di natura psichica e non da cause mediche di natura endocrina o genetica. Si tratta di un disturbo poco conosciuto, del quale non si parla spesso come invece accade nel caso di altri disturbi alimentari.

Il paziente che soffre di Obesità Psicogena presenta un marcato sovrappeso in assenza di cause mediche che lo giustifichino e si può presentare con altri disturbi psichici (Depressione Maggiore, Disturbi di Personalità, Psicosi). Questi soggetti non sono bulimici: il loro quadro clinico non include le abbuffate tipiche della bulimia, che sono tipicamente limitate nel tempo, accompagnate dalla sensazione di perdere il controllo e seguite dal senso di colpa. Utilizzano invece il cibo come compensazione a fronte di stati d’animo ansiosi o depressivi e di disagio psicologico.

Pubblicità

Lascia un commento

Archiviato in ADOLESCENZA, DEPRESSIONE, DISTURBI D'ANSIA, DISTURBI DELL'ALIMENTAZIONE, UOMINI E DONNE

Anoressia come forma di disagio

anoressia

http://www.youtube.com/watch?v=qFbYW6bNViw

Il termine anoressia significa “perdita di appetito” ma questa malattia costituisce una vera e propria repulsione ossessiva nei confronti del cibo. Una persona è definita anoressica quando il peso corporeo scende sotto l’85% del peso previsto in base all’età, al sesso e all’altezza. Chi soffre di anoressia ha un’immagine distorta del proprio corpo e lo vede costantemente in condizioni di sovrappeso, comincia per questo a rifiutare il cibo e spesso a praticare una serie di esercizi fisici nel tentativo di bruciare calorie ma senza raggiungere mai la forma desiderata. L’anoressia è una malattia determinata da una condizione di disagio psicologico nei confronti di vissuti dolorosi in campo affettivo, lavorativo, scolastico, sociale, da relazioni sentimentali. Il soggetto si sente impotente, incapace di controllare la propria vita, e il solo controllo di cui si reputa capace è quello sul cibo.

Lascia un commento

Archiviato in ADOLESCENZA, DEPRESSIONE, DIPENDENZE, DISTURBI DELL'ALIMENTAZIONE, DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO