Le difficoltà nell’addormentamento

donna_dorme-300x221

Le persone che faticano ad addormentarsi sono sempre più numerose. Molto più spesso rispetto a qualche decennio fa, si ritrovano in particolare nel sesso femminile difficoltà nell’addormentamento, difficoltà a tenere il sonno e a riposare un numero sufficiente di ore.

Con le conseguenze di dover affrontare con molta fatica e senza la lucidità necessaria una giornata lavorativa.

Quali possono essere i motivi?

Principalmente vengono chiamati in causa lo stress, le emozioni forti, l’uso del computer o della televisione subito prima di andare a letto..tutti fattori che contribuiscono a rendere difficile il rilassamento e un buon riposo.

E allora come si può risolvere il problema dell’insonnia?

Le strategie da seguire sono varie: in primo luogo si dovrebbe utilizzare il letto soltanto per dormire, evitando di lavorarci al computer, parlare al telefono, o anche soltanto guardare la televisione.

Dovremmo poi non pensare che non riusciremo a dormire, e che anche se non dormiremo, riusciremo comunque a riposare. Preoccupazioni e ansie non sono certo le buone alleate per l’accompagnamento al riposo.

Un altro consiglio è quello di andare a letto sempre alle stesse ore, per facilitare l’acquisizione di routine e  girare la sveglia in maniera da non guardare spesso che ore sono, cosa molto frequente nelle persone che non dormono facilmente ma che, oltre a essere inutile, rende ancora più difficile l’addormentamento. Come è utile andare a letto alla stessa ora, importante è anche svegliarsi sempre allo stesso orario, anche se gli impegni della mattina sono diversi: questo porterà a percepire la voglia di andare a letto sempre prima la sera, e più stanchi, e faciliterà il mantenimento delle routine.

È utile inoltre creare delle routine prima di addormentarsi: fare le stesse cose prima di dormire. Se vi piace leggere, potreste dedicare qualche minuto alla lettura, oppure decidere di fare un bagno per rilassarvi, ma è importante che soprattutto inizialmente siano sempre le stesse attività, che vi fanno rilassare. Potrebbe anche essere utile dedicarsi a qualche attività in palestra, o comunque uno sport da evitare nelle ore prima di addormentarsi: la stanchezza fisica rende più facile il riposo.

Queste sono alcune delle strategie per rendere più semplice l’addormentamento, che si rivelano spesso utili per agevolare il relax. Se le vostre difficoltà permangono anche dopo aver seguito questi pratici suggerimenti, è importante comunque non sottovalutare, potrebbero esserci problemi correlati ad eventuali stati depressivi, o a difficoltà legate a forti stress o ansie, da gestire con l’ausilio di uno specialista.

Annunci

3 commenti

Archiviato in DISTURBI D'ANSIA, ETA' SENILE, UOMINI E DONNE

3 risposte a “Le difficoltà nell’addormentamento

  1. Eccomi qui. Io ormai da anni dormo al massimo 5 ore in una notte, tutte filate, nel senso che fatico ad addormentarmi (e vado a letto tardissimo proprio per non rigirarmi nel letto) ma non mi sveglio a metà della notte. A meno che non tenti di andare prima a letto, in quel caso mi sveglierei comunque dopo cinque ore esatte. I miei orari sono sempre quelli, anche la domenica mi alzo presto (se ce la faccio, tento di dormire un’ora in più, almeno fino alle 7).
    Il mio medico dice che se dormo così poco (pure d’estate quando non lavoro, così si può dire che non riesco proprio a recuperare) e mi sento bene, è inutile crearsi falsi problemi. Peccato che negli ultimi anni io faccia sempre più fatica ad affrontare la giornata. Al mattino mi sento sempre stanca, nel pomeriggio devo riposarmi un’oretta (ma non dormo quasi mai) e, nonostante ciò, non riesco davvero a mettermi a lavorare presto, finendo all’ora di cena. Se lavoro fino a tardi, diciamo dopo la mezzanotte, finisce che arrivo a letto sveglia e mi ci vuole un bel po’ per prender sonno. Invece le più belle dormite le faccio davanti alla tv … quella sì che rilassa. 🙂
    Forse il problema è che, dormendo davanti alla televisione, è difficile riprendere sonno. La lettura, invece, concilia ma io non leggo più a letto perché avrei bisogno degli occhiali e la cosa mi infastidisce, facendomi perdere il gusto della lettura.

    Comunque provo una grande invidia per quelli, come mio marito, che riescono a dormire anche 9-10 ore per notte.

  2. eh è davvero stressante non dormire, stare a letto rigirarsi ma senza riuscire a rilassarsi….e sì, la televisione rilassa, ma attenta ai programmi…quante volte ci è capitato di non dormire o riposare con ansia pensando a qualcosa di brutto che abbiamo appena visto!

    • Non c’è pericolo. A casa mi criticano perché guardo anche le fiction cretine ma se mi metto davanti alla tv, non voglio vedere niente di brutto e nessun film horror o thriller (che poi neanche mi piacciono). La mia vita è abbastanza movimentata e complicata, almeno davanti alla televisione voglio rilassarmi. Infatti stare guardo “Ballando con le stelle”. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...