La depressione post partum

depression

La depressione post partum è un disturbo psicologico che colpisce il 10% circa delle donne nelle settimane successive al parto e che, se non riconosciuta e curata con tempestività, può avere ripercussioni anche molto profonde non solo sulla mamma, ma anche sul partner e sulla delicata relazione con il bambino.

I sintomi non sempre sono facilmente riconoscibili. Si hanno spossatezza, mancanza di energie, difficoltà di memoria, disturbi del sonno e/o dell’appetito, facilmente confondibili con la prevedibile stanchezza dovuta alla fatica del parto e all’accudimento del neonato. Talvolta si hanno sentimenti di inadeguatezza, irritabilità, pessimismo, tendenza all’isolamento sociale, ansia eccessiva per la salute del bambino. Di questo la mamme spesso si preoccupano e si vergognano e non sempre chiedono aiuto, cosa che conduce all’aumento della durata.

Da qui la sensazione di essere sbagliate, di non saper apprezzare la gioia che il proprio bambino porta.

Riconoscere tempestivamente i primi segnali di depressione post partum è invece fondamentale per limitare i danni di una sofferenza che, se non adeguatamente curata, può causare conseguenze anche molto pesanti nella donna, nella sua relazione con il partner e soprattutto nella relazione con il bambino.

Annunci

5 commenti

Archiviato in COPPIA, DEPRESSIONE, GENITORI E FIGLI, MATERNITA' E GRAVIDANZA

5 risposte a “La depressione post partum

  1. Ci ho appena scherzato su nell’ultimo post ma effettivamente è un problema serio. Purtroppo spesso chi è vicino alla puerpera non sa riconoscere i segnali. Io ricordo ancora l’ansia che mi assaliva la mattina al pensiero di una giornata da trascorrere con un neonato e un altro figlio di 22 mesi. Non era depressione, per carità, ma la sensazione non era per nulla rassicurante.

  2. in genere le mamme hanno la tendenza a sapere riconoscere perfettamente i bisogni e le necessità dei bambini..quel sesto senso materno, che porta a una sintonia perfetta con il figlio..e in parallelo anche la paura e l’insicurezza di non essere in grado, una grande discrepanza, questo contrasto a lungo andare rende affaticate, senza contare lo zampino degli ormoni…eh sì, chi sta vicino alla mamma spesso non riconosce i segnali..e quindi la richiesta di supporto deve essere esplicita!

    • Il fatto è che, secondo me, la richiesta esplicita non c’è nel momento in cui nemmeno la mamma è cosciente di aver bisogno di supporto. Ricordo, prendendo in esame una situazione diversa, un periodo della mia vita in cui ero in crisi e non riuscivo a mangiare, avevo proprio lo stomaco chiuso. Un po’ in apprensione, mi rivolsi ad un’amica psicologa e le chiesi: “Non starò mica diventando anoressica?” e lei tranquilla rispose: “Dal momento che te lo chiedi, direi di no”.

      Grazie per la risposta. Questo scambio mi ha fatto molto piacere.

  3. sofferto anche di questo.. si vegeta.. si lascia perdere tutto ciò che è intorno e ti afflosci da qualche parte.. io sul divano con la tv accesa.. mi alzavo solo se io bimbo piangeva e facevo pure una gran fatica… inoltre irritabilità a pelle.. senso di no-sense della mia vita. Ovviamente mai curata.. attenzione perchè col tempo si cronicizza rischiando di diventare depressione maggiore.

  4. Grazie Bertha..è infatti molto importante avere un supporto, per cercare di riconoscere i segni e soprattutto aiutare le madri nel difficile compito dell’accudimento dei figli, per cercare di tenere a bada questo disturbo che ostacola l’attaccamento al bambino e rende difficile godersi appieno i primissimi periodi della maternità!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...